Burro al karité arricchito per corpo e capelli

Poche settimane fa ho deciso di ordinare alcuni prodotti da Akamuti, un sito inglese di materie prime, quasi tutte biologiche e fair-trade, scoperto da poco, ma di cui mi sono subito innamorata follemente. Tra le cose che ho comprato c’erano burro di karité, olio di argan e olio di cocco  ed era un po’ di tempo che mi frullava in testa un’idea… In pratica un burro di karité arricchito di oli e montato, quindi soffice e facilmente spalmabile perché a contatto con la pelle si scioglie. Una sciocchezza, ma funziona benissimo! 🙂 Vista l’estrema semplicità della ricetta ho voluto giocare un po’ con gli oli essenziali, provando l’olio essenziale di alloro (anche questo di Akamuti) in varie combinazioni, perché seppur buonissimo da solo era un po’ eccessivo. Il risultato è un profumo dolce e un po’ speziato, legnoso ma femminile… Naturalmente dipende dai gusti, ma a me piace tantissimo!

Questa è la ricetta:

50 g burro di karité

20 g olio di cocco

10 g olio di argan

6 gocce OE di legno di rosa

4 gocce OE di alloro

5 gocce OE di arancio dolce

7 gocce OE di arancio amaro

IMG_0097

Ho messo a scaldare nel fornellino (ma va bene anche a bagnomaria) olio di cocco e burro di karité. Quando l’olio di cocco si è sciolto e il karité appena ammorbidito li ho trasferiti in un recipiente più grande e li ho mescolati utilizzando delle fruste elettriche. A quel punto ho aggiunto l’olio di argan e gli oli essenziali, mescolato con un cucchiaio (altrimenti poi schizza tutto) e poi di nuovo con le fruste per amalgamare tutto.

IMG_0102

Ne prendo un pochino, lo struscio un po’ tra le mani per scaldarlo e lo utilizzo sia sui capelli prima dell’asciugatura che sul corpo, dopo la doccia quando la pelle è ancora un po’ umida. I capelli sono rinati, sono morbidi e luminosi e prendono una bella piega ondulata. La pelle praticamente lo beve! All’inizio sembra che non si assorba benissimo, ma dopo un’oretta non rimane traccia di untuosità, solo morbidezza.

Molte volte le cose più semplici sono quelle che funzionano meglio, e questo è uno di quei casi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *