Shampoo riequilibrante delicato “Equilibrio Zen” al limone, rosmarino e zenzero

Settembre è arrivato quasi senza che me ne accorgessi. Come per molti, anche per me settembre è sempre stato l’inizio di un nuovo anno, non quello solare ma quello mentale. Dopo l’estate calda che ti invoglia a oziare e a non pensare al futuro, settembre arriva con la sua arietta fresca e ti ridà la forza di progettare, riprendere le vecchie abitudini e crearne di nuove, è l’occasione per stilare la lista dei buoni propositi: andare in palestra con continuità, mangiare bene, leggere dei bei libri… per questo nuovo “anno” anche scrivere di più sul blog! Inauguro quindi la nuova stagione con una ricetta bella bella (me lo dico da sola!) e soprattutto molto efficace: uno shampoo delicato e riequilibrante che prende spunto dalla sinergia rosmarino + zenzero + limone già utilizzata per la maschera Equilibrio Zen e che io adoro  nei prodotti per la cura dei capelli.

Per quanto riguarda gli attivi purificanti ho scelto la niacinammide, o vitamina PP: utile nel trattamento delle malattie cutanee infiammatorie, regola produzione di sebo e aumenta la sintesi di cheratina. Anche gli oli essenziali di agrumi, in questo caso limone e arancio dolce, svolgono un’azione purificante e rendono i capelli più lucidi. Per idratare i capelli ho scelto l’inulina, l’aloe vera e le proteine del riso. Per migliorare la circolazione e renderli più forti ho aggiunto il pantenolo, l‘olio essenziale di rosmarino e quello di zenzero. L’olio di argan e di camelia completano il trattamento, dando un leggero nutrimento al capello senza però appesantirlo (per un nutrimento più profondo è bene affidarsi e maschere e balsami, lo shampoo deve essenzialmente lavare!).

La SAL (Sostanza Attiva Lavante, di cui parlerò più approfonditamente in un’altra occasione) è di circa 14, per ottimizzare l’effetto detergente mantenendo comunque una buona delicatezza grazie al mix di tensioattivi ben tollerati.

Continua a leggere Shampoo riequilibrante delicato “Equilibrio Zen” al limone, rosmarino e zenzero

Come utilizzare l’henné

Dopo moltissimo tempo, svariati accadimenti e una laurea riesco finalmente a scrivere un nuovo post sul blog. Comincio dicendovi che un paio di settimane fa ho finalmente fatto una cosa che sognavo da mesi: un taglio drastico dei capelli! Ho sempre avuto un rapporto di amore-odio con la mia chioma, la quale da parte sua ha sempre fatto un po’ i suoi comodi, cambiando ogni tanto sfumatura, diventando da liscia a mossa e così via… Non essendo dei capelli facili da gestire, molto crespi, spessi e ribelli, ogni tot anni, esasperata, mi concedo un taglio corto per poter respirare un po’! E non mi pento della mia decisione. Poco dopo però, una mia amica mi chiede di provare l’henné… ecco, era da un po’ che volevo fare un post su questo tema, visto che negli ultimi due anni lo avevo utilizzato molto. Non avendo più materiale da colorare su di me ho chiesto alla mia amica se le andava di farmi da cavia e lei ha accettato volentieri. Quindi vi dirò alcune cose che ho imparato leggendo sui vari forum e sperimentando direttamente e vi farò vedere il risultato dell’esperimento sulla mia povera malcapitata amica! 😀

Prima cosa da sapere: l’henné in senso stretto è solo Lawsonia Inermis, un arbusto da cui si ricava la polvere utilizzata come colorante rosso. Ci sono poi altre piante, dette piante tintorie, che sono utilizzate per colorazioni di altre tonalità oppure per impacchi non coloranti: la Cassia Obovata (detta anche “henné neutro”), l’Indigofera Tinctoria (“henné nero”) nonché altre piante che vanno a costituire il cosiddetto “henné biondo”. Io ho sperimentato solo la Lawsonia Inermis e di questa vi parlerò.

Continua a leggere Come utilizzare l’henné

Burro al karité arricchito per corpo e capelli

Poche settimane fa ho deciso di ordinare alcuni prodotti da Akamuti, un sito inglese di materie prime, quasi tutte biologiche e fair-trade, scoperto da poco, ma di cui mi sono subito innamorata follemente. Tra le cose che ho comprato c’erano burro di karité, olio di argan e olio di cocco  ed era un po’ di tempo che mi frullava in testa un’idea… In pratica un burro di karité arricchito di oli e montato, quindi soffice e facilmente spalmabile perché a contatto con la pelle si scioglie. Una sciocchezza, ma funziona benissimo! 🙂 Vista l’estrema semplicità della ricetta ho voluto giocare un po’ con gli oli essenziali, provando l’olio essenziale di alloro (anche questo di Akamuti) in varie combinazioni, perché seppur buonissimo da solo era un po’ eccessivo. Il risultato è un profumo dolce e un po’ speziato, legnoso ma femminile… Naturalmente dipende dai gusti, ma a me piace tantissimo!

Continua a leggere Burro al karité arricchito per corpo e capelli

Maschera capelli “Equilibrio Zen”

Maschera pre-shampoo districante, nutriente e riequilibrante.

Tempo fa avevo acquistato su Farmacia Vernile il Vegequat, un condizionante cationico (sale d’ammonio quaternario) per capelli di derivazione vegetale, prodotto mediante condensazione tra alcooli grassi di cocco e proteine di frumento idrolizzate. Contrariamente ai normali detergenti cationici, questo non causa accumulo e appesantimento dei capelli. Dopo un tentativo non andato a buon fine di utilizzarlo in un balsamo, ho provato a mettere insieme una maschera per capelli, in modo da massimizzarne l’affetto districante.

Ho optato per una fase grassa è molto ricca, che nutre intensamente e rende i capelli davvero morbidi, mentre il miele e l’aloe vera ne aumentano l’idratazione.

Continua a leggere Maschera capelli “Equilibrio Zen”